Chiamaci al num.
+39 0571 360069

Sede: via del Bosco, 264/F
56029 Santa Croce sull'Arno (PI)
info@forium.it

certificazione accredia
30 settembre 2019

Federico Sabatini: “Ecco come Trend mi ha aiutato a cambiare il mio futuro”

Categoria: #foriumdalcomune

Il percorso Trend dedicato a conceria e calzaturiero, a cura di Forium e Poteco di Santa Croce sull’Arno, è stato particolarmente utile per Federico Sabatini, 33 anni di San Donato di San Miniato (Pisa), per poter cambiare lavoro e migliorarsi. Lo abbiamo intervistato per la rubrica #foriumdalcomune in modo da fornire anche degli elementi a coloro i quali, nel futuro, vorranno approfittare di iniziative simili, gratuite e finanziate dalla Regione Toscana.

Cosa facevi prima del corso Trend?

Ho sempre lavorato nel suolificio di mio padre, che produce prodotti per scarpe uomo/donna sia eleganti che sportive. Sono poi venuto casualmente a scoprire da Facebook l’esistenza del corso Trend, qualcuno aveva condiviso la notizia e mi sono detto di provarci. Mi interessavano le tematiche, visto che il progetto era incentrato su calzaturiero e conceria. In questo modo avrei potuto approfondire tutti gli aspetti della parte che viene prima della produzione delle suole e, dopo, con la produzione delle scarpe. Nella mia testa ho sempre avuto l’opzione di provare nuove strade. Lo stage poteva aprirmi delle prospettive. Della serie: anche se non trovassi nuova occupazione avrei comunque acquisito competenze che non fanno male al mio lavoro al suolificio.

Come ti sei trovato nel corso di questo cammino?

Nel corso mi sono trovato bene: era multidisciplinare, le materie principali riguardavano conceria e calzaturiero, senza dimenticare le parti legate al marketing, alle tecnologie, all’informatica, alla lingua inglese e ai materiali. Il gruppo ha visto qualche defezione: nel corso degli otto mesi siamo rimasti nei dodici che abbiamo terminato. Ho legato con un po’ con tutti, il gruppo era eterogeneo e spaziava su varie provenienze: chi aveva lavorato in settori completamente diversi, come la vendita auto, chi invece era ancora in cerca della prima occupazione. Due signore 50enni venivano dalla modelleria per abbigliamento. A Poteco ho trovato un ambiente rilassato e piacevole.

Lo stage ti ha aperto prospettive?

Al corso di Poteco è seguito uno stage di un mese alla conceria Nuti Ivo di Santa Croce sull’Arno. Ho fatto un po’ di tutto per quello che riguarda la parte legata all’umido, la gestione che va dal grezzo al crust, tutto il magazzino wet blue. È stata una bellissima esperienza tanto che la conceria mi ha chiesto di rimanere. Adesso lavoro qui, nel magazzino wet blue, mi sto trovando bene e ci sono prospettive di crescita. Sono molto soddisfatto.

Sensazioni al termine del progetto Trend?

Il corso è finito con l’esame che si è svolto in due giorni che sono stati “complessi al punto giusto”. Mi sono trovato molto bene e lo consiglio, vorrei solo citare alcune parti secondo me migliorabili. Forse sarebbe più performante partire dalla conceria, per vedere lo sviluppo delle pelli che diventano elemento della calzatura. È mancato un po’ un filo conduttore, in calzaturificio ci mancavano un po’ di dati sui tipi più adatti alle scarpe, capire come si distingue una pelle da borse da una per le calzature, che caratteristiche devono avere. In ogni caso, sono piccolezze rispetto alla bontà generale del corso.