Chiamaci al num.
+39 0571 360069

Sede: via del Bosco, 264/F
56029 Santa Croce sull'Arno (PI)
info@forium.it

certificazione accredia
30 agosto 2019

“Orienta il tuo Futuro”, Luigi ed Erika: “Aiutiamo a individuare il talento”

Categoria: #foriumdalcomune

Luigi Edouard N’Guessan Koffi ed Erika Roccotelli (Orienta il tuo Futuro)

Chiudiamo questo speciale “Orienta il tuo Futuro” di agosto 2019 con un’altra intervista doppia ai tutor che hanno partecipato a questo progetto di orientamento universitario. Oggi parliamo con Luigi Edouard N’Guessan Koffi, 28 anni, di Prato, ed Erika Roccotelli, 27 anni, di Livorno.

Come siete venuti a conoscenza di “Orienta il tuo futuro”?

Luigi: Tramite internet ho trovato il bando che era sul sito dell’università.

Erika: Il bando l’ho ricevuto tramite e-mail. Uno dei miei insegnanti e tutor universitari me lo ha spedito come interesse e in effetti mi è interessato.

Da che ambito di studi provenite?

Luigi: Giurisprudenza

Erika: Biologia

Due ambiti diversi, un unico spirito… Cosa vi ha spinto a fare questa esperienza?

Luigi: Lo scopo di dare ai ragazzi gli strumenti per fare una scelta più consapevole possibile, visto che è una fase importante per la loro vita di studenti delle scuole superiori, nell’avvicinarsi dell’esame di maturità. Bene che abbiano più elementi per saper scegliere bene e capire soprattutto cosa aspetta loro per il futuro. L’obiettivo è trovare una corrispondenza tra il lavoro e lo studio universitario-

Erika: La scelta consapevole è fondamentale, alle superiori non ho ricevuto questo aiuto che mi sarebbe servito. Mi piace molto questo progetto e vengo da un’esperienza di tutoraggio già fatta all’università. Mi è piaciuta e con questa ci ho subito visto un’unione perfetta.

Avete fatto un periodo di formazione nel Mugello la scorsa estate. Un modo per fare anche gruppo?

Luigi: Assolutamente, siamo tutti amici e ci vogliamo tutti bene!

Erika: Fin dai primi giorni abbiamo subito legato e sembravamo in pochi giorni amici di vecchia data.

Che linguaggi servono con i ragazzi di oggi? In che modo vi relazionate?

Luigi: La grossa differenza di impatto quando entri in aula, rispetto ad anni fa, è trovare la lavagna elettronica, che è uno strumento di comunicazione che già quando io facevo le scuole superiori non c’era. Effettivamente è uno strumento in più che può essere utilizzato anche per le slide e le presentazioni, aiuta a tenere concentrati i ragazzi e a permettere di fare un percorso dialogico comune.

Erika: Personalmente parto molto carica e diretta, poi mi regolo in base alla classe che trovo, cerco di gestirla al meglio in base agli studenti che ho di fronte. Valuto volta volta come approcciarmi.

Cosa vi chiedono più spesso i ragazzi?

Luigi: La loro più grande domanda è l’individuazione del talento. Ho riscontrato come difficoltà maggiore, anche per il periodo in cui viviamo oggi in cui il talento è quello degli show, la gente individua con difficoltà in autonomia il proprio talento, senza il giudizio degli altri. Il grande valore di questo progetto è anche stimolare questa ricerca in ognuno dei ragazzi.

Erika: La conseguenza di quello che dice Luigi è la difficoltà nella scelta di un corso di laurea. Hanno quindi molti dubbi, c’è tanta scelta e quindi uno dei problemi principali è la correttezza della decisione presa. Il talento e la difficoltà della scelta sono temi molto legati tra loro.

Quali sono adesso gli obiettivi del progetto?

Luigi: Adesso dobbiamo cercare di esportare il progetto in più scuole possibili. Abbiamo iniziato con tanti istituto e con un grande riscontro. Mi ritengo più che soddisfatto, il lavoro mi piace tantissimo, vedo interessa anche ai ragazzi e l’unica cosa da fare è diffonderlo in più classi possibili della Toscana.

Erika: Dallo scorso gennaio siamo partiti con una seconda fase del progetto, dove appunto abbiamo incontrato nuove scuole aderenti.

Interviste correlate: