Chiamaci al num.
+39 0571 360069

Sede: via del Bosco, 264/F
56029 Santa Croce sull'Arno (PI)
info@forium.it

certificazione accredia
15 febbraio 2019

Veronica Panizzi: “L’estetica, una grande opportunità che non sente crisi”

Categoria: #foriumdalcomune

C’è un settore che non sente la crisi e che offre ancora opportunità di lavoro a chi si forma e si specializza: è quello del benessere e dell’estetica. Massaggi, nail art, epilazione, trattamenti viso e corpo sono ormai un piccolo lusso al quale le italiane (e gli italiani) non rinunciano. Per chi vuole intraprendere una professione nei centri estetici e non solo, Forium offre un corso di formazione gratuito. Si chiama progetto Benessere (clicca qui per la scheda del corso) ed è riservato a 15 ragazze/i minorenni che hanno interrotto gli studi ma hanno completato l’obbligo scolastico.

Veronica Panizzi, responsabile formazione del Centro studi estetica di Pontedera (Pisa), è docente del corso Benessere in partenza a marzo 2019. 

Perché consiglierebbe questo corso a chi non ha completato gli studi?

È un’opportunità sia per i ragazzi che per le famiglie: la formazione per estetista, che di solito è a pagamento, in questo caso è gratuita. Un’occasione da non lasciarsi sfuggire per chi desidera lavorare in questo settore.

C’è ancora richiesta in questo mercato?  Ci sono sbocchi lavorativi?

Abbiamo bisogno di benessere, che non significa soltanto ricerca della bellezza ma soprattutto sentirsi bene. Tutti desideriamo prenderci cura di noi stessi, e possiamo farlo anche se abbiamo poco tempo e senza spendere una fortuna: ecco perché anche in tempo di crisi non rinunciamo a trattamenti viso e corpo, manicure e pedicure, massaggi… E poi il mercato si è ampliato perché oggi anche molti uomini sono diventati clienti.

Che cosa si studia nel corso Benessere?

Le tecniche del massaggio, le tecniche di epilazione, del trucco, manicure e pedicure e trattamenti viso e corpo sono le materie specifiche. Ci sono materie teoriche fondamentali come igiene e anatomia ma tutto si studia grazie alla pratica, ad esempio le nozioni teoriche del massaggio si illustrano sempre facendo le manovre.

Questo tipo di formazione funziona, anche con chi ha interrotto il percorso scolastico?

Certamente. La formazione con modalità pratica e laboratoriale cattura l’attenzione dei ragazzi che vogliono dare un altro approccio, un cambio di passo alla loro crescita professionale. Coinvolgere i ragazzi da subito nella pratica in un lavoro in cui la manualità è fondamentale è essenziale.  Poi hanno anche un’esperienza di stage nei centri estetici e possono subito mettersi alla prova. 

La preparazione è uguale per tutti?

Sì, c’è una preparazione di base completa per tutti i partecipanti, poi alla fine del percorso ognuno deciderà cosa preferisce.  Lo scopriranno anche da noi: spesso i ragazzi arrivano con un’idea, attratti da una sola materia e invece si appassionano a un’altra, iniziano convinti di volersi dedicare alla manicure, ad esempio, e poi invece si specializzano nel massaggio.

 Quanto è importante essere formati e aggiornati nel settore dell’estetica?

Moltissimo, per due ragioni. Prima di tutto perché è un settore che è in continua evoluzione sulle tecniche e sui materiali, quindi gli operatori devono conoscerle e padroneggiarle. Secondo: i clienti di oggi sono più informati ed esigenti sulle ultime novità, basti pensare alla ricostruzione unghie: le leggono, le vedono su internet e sui social, vengono a  chiederle  e bisogna essere sempre un passo avanti.

Il corso è aperto a ragazze e ragazzi: avete avuto anche partecipanti maschi?

Sì, il corso ovviamente è aperto ad ambo i sessi;  per la maggior parte si iscrivono ragazze, ma abbiamo avuto anche alcuni ragazzi, soprattutto che desideravano diventare massaggiatori. Poi è bene non dimenticare che i grandi nomi del trucco, della ricostruzione unghie (e non solo) sono spesso uomini.

E dopo il corso quali prospettive ci sono?

Lo stage può essere un trampolino di lancio, abbiamo avuto studenti che si sono visti trasformare  lo stage in lavoro un volta finita l’esperienza formativa, anche se non capita a tutti. Gli sbocchi professionali? Centri estetici, complessi termali, studi medici, assistenti in studio medico. La qualifica che prendono da noi è il primo step, ci vorrà un’ulteriore specializzazione per mettersi in proprio, ma con questa formazione  possono essere assunti come dipendenti e vista la giovane età possono iniziare come apprendisti.

L’estetista è spesso una persona con cui si stringe un legame di fiducia: come affrontate questo aspetto?

Spesso il cliente sceglie un centro estetico più per la persona che ci lavora che per il tipo di trattamento! Siamo a stretto contatto con le persone, che si affidano a noi: in questa professione dobbiamo  ispirare fiducia,  per questo nel corso spieghiamo (sempre con la pratica) come comunicare bene, come mantenere l’empatia.

E lo stesso vale per il mio ruolo di docente: mi piace questa professione perché sono sempre a contatto con i ragazzi e li aiuto a realizzare le loro aspettative.

Il corso Benessere

Forium è capofila di un progetto biennale per estetista, rivolto ai 15 ragazzi minorenni (che hanno adempiuto all’obbligo di istruzione, ovvero di permanenza per almeno di 10 anni), per un totale di 1200 ore complessive. Si tratta di un’iniziativa totalmente gratuita per chi partecipa, in quanto finanziata con le risorse del POR FSE 2014/2020. Rientra nell’ambito di Giovanisì (www.giovanisi.it), il progetto della Regione Toscana per l’autonomia dei giovani.

Le iscrizioni, prorogate, scadono il 9 marzo 2019. Le lezioni inizieranno a marzo 2019 e la conclusione del percorso è prevista a novembre 2020. Qualora le iscrizioni superassero i posti disponibili, è prevista una prova di selezione in data da destinarsi nella sede di Forium.

Tutti i dettagli per le iscrizioni a questo link:

“BENESSERE”: Operatore del benessere – Estetica (Addetto)